Il GattaRossa è morto
(è) viva IlGattaRossa

Benvenuti al nuovo sito de IlGattaRossa, la cui inaugurazione ironicamente coincide con una chiusura delle attività del gruppo: ma ci piace pensare IlGattaRossa sospeso in uno stato quantico, viva e morto ad un tempo, come se la fine fosse un nuovo inizio…

IlGattarossa è (stato) il folle tentativo di un gruppo di artisti di portare la propria opera al pubblico senza mediazioni, evitando per quanto possibile i consueti canali istituzionali, superando l’indifferenza che una città come Firenze – all’apparenza cosmopolita e aperta, ma spesso in realtà gretta e provinciale – riserva all’arte contemporanea e agli artisti viventi.

Questo sito è dedicato a loro: a chi è/ra IlGattaRossa, a chi ha creduto nel progetto, a chi ha collaborato con entusiasmo; ma soprattutto a chi non ci ha creduto ma ne ha comunque approfittato, e, nella propria mediocrità, ci ha vivacchiato.Che errore attenuare il divertimento per la professionalità; condizione d’altronde indispensabile per contrastare l’influenza di certi cialtroni. Un verme che si morde la coda.

Questo archivio ancora incompleto, memoria di tre anni di attività, si augura soprattutto di essere d’ispirazione per le opere future de IlGattaRossa che ancora vive presso Chiasso Perduto, MediaMashStudio, StudioLab Serragli 75/c.

IlGattaRossa è a giro: attenzione al gattino, perché ricompare quando meno te lo aspetti.


mistica_napoleonica

Mistica Napoleonica

IlGattaRossa è lieto di presentare Mistica Napoleonica, un progetto dell’artista Stefano Pascolini. Opere di pittura, sculture di ceramica e una performance dal vivo.

Mistica Napoleonica e’ una fantomatica rievocazione della battaglia di Waterloo, avvenuta il 18 giugno di 201 anni fa. Qui l’atto bellico si disinnesca non contro un nemico, ma contro panna e guarnizioni di lamponi o marzapane: la torta creata dall’agire che finisce in faccia all’agire stesso, al potere o all’idea di esso. Napoleone a Waterloo è l’Io che viene meno, che caracolla sotto i colpi della battaglia eterna degli eventi, l’Io che si muove dovendo ricreare nuove forme a se stesso e al suo agire nel momento instabile e magmatico della contemporaneità: scompare la prosopopea napoleonica e fa capolino Buster Keaton.


abc

Flower’s // File of Life

La mostra può essere immaginata come una cerimonia di rigenerazione: nell’opera di Alberto Gori – ispirata al ciclo naturale di creazione, conservazione e distruzione – alcuni computer installano e disinstallano il proprio sistema operativo automaticamente in infinite reincarnazioni tecnologiche; l’opera di Luca Mauceri e Jacopo Rachlik mette in mostra i passaggi di un rituale di trasformazione, dove il tempo – scandito da una fontana giapponese che genera una nuvola di vapore – lascia intravedere alcune forme umane e naturali. L’istante che separa la fine e l’inizio del ciclo naturale è simbolicamente rappresentato da un’opera di Andy Warhol risalente all’ultimo periodo della sua produzione.



Trittico. Una riflessione sul Ritratto

Uso e abuso dell’immagine potenziano oggi il valore della figurazione, intesa come azione del figurare.
Una mostra-intervento presso un luogo in via di distinzione -un laboratorio artigiano, ora in fase di riorganizzazione.
Il collettivo IlGattaRossa presenta gli artisti Sebastiano Benegiamo, Alessandro Di Grande e Andrea Lucchesi in Trittico. Una riflessione sul Ritratto.
L’intervento anticipa una serie di momenti espositivi dedicati esclusivamente al tema del Ritratto.
Gli artisti hanno scelto di porre l’attenzione su un soggetto apparentemente passato.
Reinterpretando, con la sensibilità della loro personale ricerca, l’atto del ritrarre emerge -attraverso l’uso di tecniche tradizionali- nella sua sacralità.

Disegno, Pittura e Puntasecca.



L’Arte dello Schermo

L’Arte dello Schermo è una rassegna di approfondimento sui linguaggi della video-arte per stimolare l’incontro e lo scambio tra artisti e pubblico, in un contesto informale. L’evento, ideato dal collettivo IlGattaRossa, presenta opere internazionali di artisti già conosciuti ed emergenti; un invito anche alla discussione e al confronto per creare un futuro festival di video-arte pensato per la città di Firenze.

I video proiettatati sono una selezione a cura del collettivo.
In programma Venerdi’ 20 e Sabato 21 Novembre 2015
Piu’ di Trecento minuti di proiezioni
Trenta artisti da tutto il mondo
Oltre cinquanta video-opere
Entrata gratuita

Inoltre, all’interno della rassegna sara’ presentata
una breve antologia di video dalla storia della video-arte.

Durante l’intero evento oltre allo schermo principale, saranno allestite video-installazioni site-specific.

L’arte dello schermo è realizzato da IlGattaRossa in collaborazione con MediaMashStudio.



The Red Belly

THE RED BELLY è un’opera che affronta temi quali la nascita, la vita, il corpo, l’istinto, lo sradicamento culturale e la ricerca personale. Trae ispirazione dai templi shintoisti Jinja, dove le porte rosse simboleggiano il passaggio dal mondo fisico a quello spirituale. L’idea è di creare uno spazio organico: chi entra si trova all’interno di un ventre, una caverna/pancia ancestrale. In un percorso che richiama la nascita, uno spettatore attraversa la stanza rossa per accedere ad un ambiente di luce, vuoto e bianco. THE RED BELLY allude all’origine della vita: il rosso è il colore con la lunghezza d’onda più lunga, il primo della gamma cromatica che il neonato ancora in pancia riconosce. Il bianco simboleggia la rinascita, ed in sé contiene tutti i colori.



I Mangiatori di Teste

Per il finissage della residenza artistica
DELLA MANIERA DEGLI UMANI
l’artista frenopersciacalli
invita i commensali a dipingere e farcire,
secondo il loro gusto, delle teste di pasta fritta
con salse a base di legumi, verdure, formaggi,
marmellate di frutta e insalate.
Menu vegetariano con portata unica, dolce, vino e caffè.



Ribalta

Andrea Cammarano mette in scena il suo atto pittorico.

Presentazione dell’opera e cena dall’artista.

Interventi poetici di Samuel Angus McGehee in “Poyet Bellico”
Francesca Sante in “La retroguardia a piedi scalzi”



I Mangiatori di Patate

In occasione del finissage dell’installazione
de Il Sedicente Moradi
Il GattaRossa
è lieta di invitarvi
alla cena
ispirata all’opera
di Vincent Van Gogh
I mangiatori di Patate



Open Space Opening

Il gruppo di artisti del Gattarossa inaugura la sede di via de’ Serragli.
Con proiezioni e opere degli artisti del gruppo.

Colonna sonora di
Killabros TV

BACKWORDS
BANGALORE
ANDREA MI



Città Mnemonica // Firenze

Magma e Il Gatta Rossa presentano Cittá Mnemonica Firenze.

Il termine mnemonico definisce la posizione dell’individuo all’interno dello spazio urbano, dove qualsiasi punto di riferimento nascosto nella memoria diventa significativo. Il progetto Città Mnemonica si ispira all’allegoria della caverna di Platone, dove il mito esplora il rapporto dell’uomo con il proprio spazio, interrogandosi su cosa é reale o apparente. Gli artisti ricercano l’identità del luogo favorendo un incontro personale ed emotivo con la città, un’appropriazione stratificata e attiva della sua morfologia, mediante una ricerca comune e integrata.

Il collettivo londinese Magma e quello fiorentino de Il Gatta Rossa continuano la loro esplorazione immaginativa della città coinvolgendo il territorio di Firenze in un flusso di eventi che termineranno con l’inaugurazione della mostra venerdì 27 giugno alle ore 18:00 nello spazio espositivo di Via dei Serragli 75c a Firenze.
Il 28 di giugno dalle ore 21:00 avrà luogo una serata dedicata alla performance e alle video proiezioni.